Pubblicato da: chinonrisica | 5 aprile 2014

I contributi negati…..una violenza in più!

Le forme in cui si manifesta la discriminazione contro le donne sono insidiose e non sempre eclatanti come quelle che la cronaca, purtroppo, ci consegna giornalmente.

Le organizzazioni che si occupano di pari opportunità dovrebbero vigilare sulla recente presa di posizione dell’INPS che, in molte parti d’Italia sta negando il riconoscimento ai fini previdenziali dei rapporti di lavoro in cui siano coinvolti mogli e figli del titolare di un’attività di impresa.
Il legislatore del 1975 ha finalmente dato dignità al lavoro prestato nell’azienda familiare, soprattutto dalle mogli e dai figli, facendo emergere il ruolo fondamentale e silenzioso delle donne lavoratrici e madri Ma oggi, pare che l’intenzione dell’INPS sia  quella di rendere nuovamente precario questo lavoro, quasi esclusivamente femminile, lasciandolo privo dei contributi necessari ad assicurare un trattamento pensionistico adeguato.
L’allarme, lanciato dal garante del contribuente avvocato Andrea Di Francia, merita attenzione e deve essere colto, al fine mettere in atto ogni azione possibile, dalla Consigliera di Parità e dalle Commissioni Pari Opportunità della Provincia e del Comune capoluogo.
Il FMI ci ricorda che non siamo certo virtuosi nelle politiche volte a favorire il lavoro femminile. E’auspicabile che almeno non si impedisca alle donne che lavorano di garantirsi una vecchiaia libera dal bisogno e dalla dipendenza economica.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: