Pubblicato da: chinonrisica | 4 marzo 2014

Eccesso di trasparenza……

Lo scandalo dei vitalizi ai consiglieri regionali/provinciali era largamente prevedibile: bastava chiedere ( ed ottenere) finalmente le cifre. Ma chiedere,purtroppo, in Trentino non significa sempre ottenere. Nel settembre 2012 infatti, mentre infuriavano le polemiche sui rimborsi ai consiglieri della regione Lazio in seguito alle informazioni pubblicate in modo dettagliato sul sito internet della Regione, il Presidente Dorigatti rifiutava di fornire  le note spese dei singoli consiglieri trentini. Preciso che si tratta di note relative a spese effettuate con il denaro dei contribuenti. Sono state fornite le spese complessive dei gruppi ( che stando al Sole24Ore  del 24 settembre 2012 erano tra i più cari d’Italia), ma non le spese relative ai singoli consiglieri, che si sono trincerati dietro la riservatezza, procurandosi uno sberleffo di livello nazionale sul settimanale SETTE del Corriere della Sera del 5 ottobre 2012, a firma di Gian Antonio Stella.

Ora, alla luce di quanto abbiamo scoperto di aver liquidato a lorsignori,compresi  i non rieletti che si sono “accontentati” di 280000 euro a testa, potremmo sapere quanto i singoli consiglieri della scorsa legislatura hanno speso per trasferte, pernottamenti e acquisti vari? La riservatezza non può essere un alibi quando a pagare sono i contribuenti.

 

Annunci

Responses

  1. in pratica, cosa possiamo fare x obbligarli a rendicontare ai cittadini?

    • Presentare un’interrogazione in Consiglio provinciale ( ciascuno per il suo consiglio) e Regionale , per le spese degli stessi come consiglieri regionali. Non so se a Bolzano le cifre dei singoli sono state fornite. A Trento no!!

  2. sì, qui le hanno pubblicate sull’Alto Adige, giornale che ora ha lanciato una raccolta firme, anche tramite coupons ritagliabili, in modo che i chi vuole possa esprimere la propria indignazione, fornendo anche delle proposte su come utilizzare in attività “sociali” il malloppo tolto ai politici ( ma ovviamente penso non abbia valore legale); comunque anche Kompatscher sembra indignato e vuole abolirle…sarà vero?

    • Quelle che hanno pubblicato non sono le note spese, solo le indennità e i vitalizi. Stanno chiacchierando in attesa che l’indignazione passi. Non conosco Kompatscher e non so se sia affidabile. In Trentino di affidabile non c’è nessuno. Vedrai che tra poco nessuno ne parlerà più: la gente “comune” ha urgenze legate alla vita di ogni giorno e questi bellimbusti ( e bellimbuste) si presenteranno alle elezioni europee o saranno nominati nei CdA di s.p.a. pubbliche. Una vergogna!

  3. sì, hai ragione, avevo frainteso…penso che Kompatscher sia in buona fede (rispetto all’abolizione dei vitalizi), ma è ancora ingenuo e dipende dai consigli degli “anziani” dell’ SVP, x cui ho poche speranze; infatti, la gente comune (compresa me) fa già fatica ad arrabattarsi x sopravvivere, quindi temo che ce la faranno sotto il naso, fregandosene altamente del giudizio nostro, tanto si sono creati le regole ad personam x tenersi lo scranno e i privilegi e, bisogna dirlo, la gente, quando vota, è anche un po’ imbecille (basta vedere il caso “Renzi”)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: