Pubblicato da: chinonrisica | 5 novembre 2012

Che mangino brioche!

La vicenda delle tessere gratuite in A22 è una metafora triste dei nostri tempi.
Una difesa ad oltranza di”segreti” che, a detta degli interessati, non sono rilevanti. Chi ha responsabilità di governo, di enti territoriali soci di A22, paradossalmente proprio quelli danneggiati anche da una sola tessera gratuita, si dichiara sconcertato:” Solo in un Paese in preda alla follia può prestare attenzione a problemi di questo genere” o chiede di mettere tutto a tacere: ” chiudiamola senza fare troppo casino”. Sono le dichiarazioni, virgolettate, che la stampa ha attribuito oggi a Lorenzo Dellai e Luigi Spagnolli.
In altre realtà territoriali, Mantova ad esempio, i partiti di maggioranza ed opposizione hanno fatto quadrato in difesa delle azioni possedute dal Comune. I dividendi, soprattutto oggi, vanno difesi dall’erosione di ogni singola tessera gratuita.
In Trentino Alto Adige, invece, ci si stupisce per le richieste fatte in questo senso da chi cerca di interpretare con serietà il proprio ruolo di rappresentante. E la società, che gestisce un servizio pubblico, costituita in netta prevalenza da soci pubblici con denaro pubblico, invoca questioni di principio e riservatezza contro il legittimo esercizio di un mandato elettivo, confermato dal difensore civico e dal Tribunale Amministrativo.
Nel febbraio 2011 fu consegnata ai 33 membri della commissione Casa e Demanio del Comune di Milano, dopo un lungo braccio di ferro con il CdA dell’Ente, la lista dei contratti di locazione che facevano capo al Pio Albergo Trivulzio. In Grecia il Parlamento promette di indagare sugli evasori iscritti nella lista Lagarde.
Mantenere la riservatezza sulle liste, gli elenchi, i tabulati indica una tendenza a considerare i cittadini eterni minorenni, incapaci di comprendere e valutare, disabituati al controllo, da mantenere in uno stato di eterna inconsapevolezza.Questo atteggiamento alimenta distacco, sospetto e disfattismo. Atteggiamenti che una politica seria, custode di valori autonomistici veri dovrebbe fugare, mentre invece si apprende, dai dati elaborati da ministero della Funzione Pubblica, che la trasparenza non abbonda sul nostro territorio, a giudicare dai siti internet di Provincia e Regione.
La metafora, dicevo, è triste ed attualissima: la politica , soprattutto trentina -duole riconoscerlo- consente che le proprie società vivano di vita autonoma, non desidera mantenere sulle stesse un controllo doveroso,unico residuo di democrazia in un sistema che vede istituzioni e cittadini sempre più distanti.
Mentre si annunciano tredicesime più magre e i commercianti si preparano a guadagni ridotti per le prossime festività, leggere che in fondo “l’insieme del costo di queste tessere è di poche migliaia di euro” ricorda la famosa frase attribuita a Maria Antonietta. Se non hanno pane, i sudditi mangino brioches!

Annunci

Responses

  1. ampiamente condivisibile!!!!

    • Grazie! Credo che questo modus operandi abbia fatto il suo tempo. Spetta a tutti noi rendere sempre meno possibile la sopravvivenza di enti che si credono “privati”, ma con il denaro e le strutture pagate con il denaro pubblico.

      • se non ricordo male, sembra che x fortuna ora si decidano a renderle pubbliche

  2. comunque, queste persone sono proprio un insulto alla gente onesta

    • Tutto rinviato al 29 gennaio 2013….staremo a vedere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: