Pubblicato da: chinonrisica | 8 aprile 2012

Gesù è risorto. Ma non per tutti

Domenica di Pasqua: un articolo letto nella serenità postprandiale e che sento la necessità di condividere con i (?) lettori del blog. Per riflettere insieme sulla festa che sta trascorrendo.

GESÙ E’ RISORTO. MA NON PER TUTTI

di Sandra Amurri

in “il Fatto Quotidiano” dell’8 aprile 2012

“Gesù è risorto. Ma non per tutti. La Resurrezione è ancora lontana da venire. Per chi non ha
abbastanza pane per sfamarsi. Per chi, alle soglie degli 80 anni, alla notizia che l’Inps avrebbe
decurtato la sua pensione di 200 euro, ha pensato che lanciarsi dal balcone fosse più dignitoso del
sopravvivere con 600 euro al mese dopo una vita di fatica. Per chi, strangolato dai debiti, si dà
fuoco. Per chi è costretto alla precarietà del lavoro. La Resurrezione non si attende si conquista.
Come insegna la metafora del Vangelo. E mai verrà finché non smetteremo di assistere indifferenti
alla moltiplicazione dei 40 ladroni e non ricominceremo a pretendere la moltiplicazione dei pani e
dei pesci. Finché non inizieremo a credere che la virtù, per dirla con Spinoza, non ha padroni e
quanto più ciascuno la onora, tanto più ne avrà perché la virtù deve essere desiderata per se stessa.
Finché la fede, quel coltivare l’amor proprio, il bene comune, il rispetto dei principi sanciti dalla
Costituzione non sarà fede condivisa da laici e credenti. Finché la ribellione non prenderà il posto
della rassegnazione e illuminerà la politica fino a rendere trasparenti i palazzi del potere facendo
brillare nelle piazze la vergogna che nascondono. Finché non capiremo che un Paese senza politica
è destinato a morire per sua stessa mano e che nessuno si può chiamare fuori. Finché le donne non
smetteranno di emulare i modelli maschili e non capiranno che la differenza non sta nel genere, ma
nella qualità del proprio sentire. Finché quella pietra che soffocava il tuo respiro, Gesù non verrà
sbattuta in faccia a tutti quelli che si oppongono a una giustizia uguale. Finché non sarà scaraventata
in faccia a tutti quelli che pubblicamente ti pregano per trarne vantaggio e privatamente ti insultano.
Finché Agnese Borsellino e tutti quelli che con lei l’attendono da 20 anni, non avrà verità. Finché la
Chiesa non comincerà a camminare per le strade del mondo con i tuoi piedi scalzi, Gesù. Finché
non si capirà che il mondo per essere migliore ha bisogno di anima, non di calcolatrici. Finché ogni
giorno non diventerà Pasqua. Ma per tutti.”

Per riflettere insieme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: