Pubblicato da: chinonrisica | 10 febbraio 2012

L’articolo 18

Lo Statuto dei Lavoratori nasce in un contesto storico e sociale del tutto particolare. I lavoratori avevano ottenuto i diritti connessi al loro status di cittadini attraverso la Costituzione, ma sul posto di lavoro certi diritti ( riunione, manifestazione libera del pensiero, associazione,informazione) restavano una chimera. Il “padrone” aveva ancora caratteristiche di discrezionalità e potere incompatibili con uno stato realmente e sostanzialmente democratico.
Dopo un lavoro intenso e nobile di complilazione, lo Statuto venne alla luce. In quegli anni ’70 un po’ bistrattati dalla storia che però videro un fiorire di iniziative legislative a favore dei lavoratori.
Nel maggio 1970, quindi, fu emanata la legge n.300, meglio nota come Statuto dei Lavoratori.
Contiene, questo Statuto, molti articoli importanti (ricordo l’art.28, che sanziona i comportamenti antisindacali, quasi come un anticipo delle prassi antimobbing), ma il più famoso è certamente l’articolo 18. Di cui molti parlano,ma che non so quanti abbiano letto.
L’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori si intitola “reintegrazione sul posto di lavoro” e disciplina le conseguenze in caso di licenziamento illegittimo (perché effettuato senza comunicazione dei motivi, perché ingiustificato o perché discriminatorio) nelle unità produttive con più di 15 dipendenti (5 se agricole). Inoltre esso si applica anche alle unità produttive che occupano meno di 15 dipendenti (5 nel caso di imprenditore agricolo) se l’azienda occupa nello stesso comune più di 15 dipendenti (5 se agricola) e in ogni caso se l’azienda occupa complessivamente più di 60 dipendenti.

Contrariamente a quanto si afferma comunemente, esso non dispone che il licenziamento sia valido solo se avviene per giusta causa o giustificato motivo oggettivo o soggettivo. Tale principio è sancito dall’art. 1 della legge 604/1966 per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

L’articolo 18 dispone invece che, in caso di licenziamento senza giusta causa o giustificato motivo, il lavoratore sia reintegrato nel posto di lavoro. In alternativa allo stesso lavoratore è concessa la facoltà di optare per il risarcimento del danno..
L’opzione è del lavoratore, non del datore di lavoro, che quindi non potrà “pagare” per liberarsi di un lavoratore scomodo.

L’articolo 18 dello Statuto del lavoratori non ha un’applicazione vastissima. Non si applica ai dipendenti pubblici e, ricordiamolo, in Italia sono in maggioranzalepiccole e piccolissime iprese, quelle coon un numero di dipendenti più basso rispetto a quanto prevede l’art.18.

Perchè accanirsi a volerlo eliminare? Chi ha interesse a licenziare senza giusta causa ( evento gravissimo che rende improseguibile il rapporto di lavoro) o giustificato motivo oggettivo o soggettivo ( eventi riguardanti la condizione produttiva dell’impresa o casi di mancanze contrattuali meno gravi della giusta causa)?

Annunci

Responses

  1. Cominciano ad essere ufficiali i dettagli del nuovo album dei mitici In Articulo Mortis 18 la cui uscita dovrebbe essere ormai imminente. Il disco intitolato “Destroy Articulo 6+6+6” uscirà via Goldman Sachs Record e sarà composto da 10 canzoni (…) http://inpastoalsilvio.wordpress.com/2012/02/09/in-articulo-mortis-18/

    • Mi sa che non lo compro quell’album……

  2. sto proprio ascoltando gli sproloqui dell’ “onorevole” Lupi a IN ONDA in proposito…ma com’è possibile difendere dei punti di vista così ignoranti con una tale veemenza? si vede che si sente in colpa x qualcosa…

    • Non ho seguito il dibattito a cui ti riferisci, ma Lupi …….E’ tutto un programma.

  3. ma l’articolo 18 si applica ai dipendenti asl a tempo determinato e indeterminato ?

    • Come le dicevo, credo che i dipendenti ASL siano dipendenti pubblici. Quindi niente articolo 18…..

      • …sempre che non siano a contratto, ma veramente dipendenti

  4. Per vedersi applicato l’articolo 18 dovrebbero essere dipendenti ( privati) di un’impresa con più di 15 dipendenti che gestisce un appalto con contratto stipulato con l’ASL…..Piuttosto raro, e comunque non sarebbero mai dipendenti ASL…..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: