Pubblicato da: chinonrisica | 24 dicembre 2011

Tempo di ritrovarsi

Vigilia di Natale, anzi, quasi Natale!
Il blog come la crema per la notte, un rito serale di saluto alla giornata ( turbinosa) appena passata.
E’ il quarto Natale di Chinonrisica, meno graffiante, forse, ma sempre autentico. Ai miei pochi lettori auguro di trascorrere un Natale sereno.
Per molti non è vacanza e per troppi è la fine di un anno difficile, con il lavoro precario e la manovra Monti che incombe.
Per 24 ore possiamo dimenticare una realtà amara e aprire il cuore all’affetto della famiglia.
Pubblico un editoriale da L’Avvenire del 22 dicembre, a mio avviso adatto a questo nostro periodo. Buona lettura

Popolo, non irose controparti

Tempo di ritrovarsi

Alla cassa una vecchia signora mette via una spesa frugale e si sfoga con la giovane cassiera: «Con la pensione che ho, non sarà un gran Natale…» La ragaz­za avrà vent’anni, sorride a quella che po­trebbe essere sua nonna, ma non si trat­tiene da una battuta amara: «Si contenti, signora, che almeno lei una pensione ce l’ha. Io, non so; anzi, non so neanche se fra sei mesi avrò un lavoro».

La vecchia signora se ne va con la sua sporta, la commessa batte la spesa del prossimo cliente, ma non sorride più. C’è un retrogusto agro in questa vigilia nelle parole della gente, c’è un malessere che ti indurrebbe a cambiare canale, quando c’è il tg. E non è solo per la crisi, per i ta­gli, i sacrifici. È qualcosa oltre: è, nello sco­prirsi più poveri, come la tentazione di porsi sistematicamente gli uni contro gli altri. È un protestare collettivo ma fram­mentato in tante parti quanti, si direbbe, sono gli interessi. Insorge chi era al tra­guardo della pensione, insorgono certi sindaci che invitano a non pagare l’Imu, insorgono, naturalmente, i sindacati, in difesa di un lavoro che va ‘garantito’; ma a maggior ragione potrebbero insorgere quei giovani che nel precariato rischiano di invecchiare. Chi minaccia serrate, chi sciopera a pochi giorni da Natale bloc­cando le città. Legittimo; ma inquieta la sensazione che si possa arrivare a essere tutti contro tutti, anziché tutti insieme, in un frangente tanto grave. La stessa più che condivisibile ansia di far pagare le tas­se agli evasori o di contenere i costi della politica rischia una deriva populista se si risolve in un additare ogni giorno presunti nuovi avversari – che vengano smasche­rati, che paghino, finalmente, si sente di­re con rabbia; o se sfocia in una costru­zione di nemici immaginari, come si è cercato di fare con la truffaldina campa­gna contro la Chiesa a proposito di Ici.

E forse è più, all’origine, mediatica che reale questa tensione; ma è uno di quei ca­si in cui i media, più che rappresentare, possono ‘fare’ la realtà, forgiarla nella for­ma di una contrapposizione metodica e radicale, senza prospettive.

Così che un viaggiatore che si trovi in que­sti giorni a girare per l’Italia potrebbe trar­ne l’impressione non di un Paese in lotta con la crisi, ma in lotta intestina con se stesso. Più che un popolo, un coacervo di corporazioni, categorie, bande in contra­sto fra loro. E verrebbe da domandare, a ogni nuovo alzarsi di striscioni: avete ma­gari ragione, ma non vi accorgete, nella difesa del vostro particolare, che in peri­colo c’è qualcosa di più grande? Che l’eu­ro tenga, che il sistema bancario tenga, che lo Stato possa pagare i suoi debiti e ga­rantire i suoi servizi; che i figli possano sperare di avere un lavoro, una casa, dei figli, tutto questo non è un bene ancora più grande del proprio pure legittimo in­teresse personale? Certo, nell’ombra c’è, lo sappiamo, un’I­talia solidale che non fa rumore, che pro­segue a testa bassa contro il vento con­trario, che tende una mano a chi resta in­dietro. Ma è come se questo capitale di u­nità e solidarietà restasse non ricono­sciuto, persino sotto accusa, comunque in disparte, mentre gli altri lottano ciascuno, chiassosamente, per sé. Siamo un popo­lo, o solo milioni di persone che vivono negli stessi confini? È diverso, come in u­na casa è diverso essere una famiglia o quattro o cinque uomini e donne che si incrociano frettolosamente, la sera.

È perché siamo cresciuti nell’individuali­smo, nel mito dell’autonomia e della rea­lizzazione di sé, che davanti alla crisi ci ri­troviamo così frammentati? O, forse, è perché molti adulti oggi non sono padri né madri, e questo non pensare a chi verrà accorcia, rende miope lo sguardo? Fosse, questo Natale che arriva tuttavia puntua­­le, l’ora della memoria di un Paese di gran­de tradizione cristiana, in cui carità e so­lidarietà si facevano senza nemmeno no­minarle, naturaliter, perché così si era vi­sto fare dai vecchi. Fosse, questo Natale, l’ora per ritrovarci e riscoprirci – prima che rivali, controparti, avversari – un po­polo, che vuole continuare la sua storia.

Marina Corradi

Annunci

Responses

  1. mi piace questa analisi della situazione effettuata con molta sensibilità e condivido ” quasi” tutto…W la solidarietà, intesa come reciproco aiuto (anche con ritmi e tempi diversi), basta che non diventi giustificazione dell’ignavia. E che dire del rapporto della Chiesa con l’ ICI? che non mi sembra moralmente accettabile non contribuire alla tassa sugli immobili, specialmente nei numerosi casi in cui non si tratta di luogo di culto o aggregazione, ma di lucro (altro che campagna truffaldina!)

    • L’articolo mi è molto piaciuto, perchè richiama un sentire che dovremmo davvero”ritrovare”.Credo sarà difficile essere ignavi con i tempi che corrono….Ma condivido la preoccupazione!Per quanto riguarda l’ICI dei locali di proprietà della Chiesa, sono in attesa di una risposta per quel che riguarda la mia città: come consigliere comunale ho presentato un’interrogazione sul pagamento dell’ICI a Trento da parte dei locali di proprietà della Curia.

      • questo è consolante e lascia ben sperare…in questi tempi permeati di scetticismo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: