Pubblicato da: chinonrisica | 28 aprile 2011

Le dune e il cancello

Con emozione ho ritrovato strade che il cuore non aveva mai dimenticato.
Il profilo di una montagna e l’improvviso affacciarsi del mare, il brulicare di casette e il buio delle strade, il fiume aspro e vivo, i colori e la gente.
Una natura madre indifferente, che non ti accoglie e non ti ama, ma che è parte di te. Ecco quel che ho provato tornando.
L’eterna consapevolezza di essere ai margini di una storia che è tua, però, come le radici, come i geni, come i tratti del viso e i ricordi.
E l’insoddisfazione della non appartenenza.
Nascondere l’emozione sapendo che sarebbe stata inutile, che il tratto selvaggio del panorama non si sarebbe ammorbidito per accogliermi, non mi avrebbe riabbracciata e stretta a sè.
Così nego la malinconia e alzo le spalle…indifferenza per indifferenza, incuria per incuria, negazione per negazione.
Tra quelle strade, in quel mare sono cresciuta e ho riso, pianto, amato e detestato. Quelle alture brulle e vicine mi sembravano ora casa e rifugio, ora prigione da cui evadere, sognando altri luoghi e altro sole.
Resta negli occhi la visione di un gruppo di bambini allegro, in una spiaggia grandissima e quasi vuota, sotto il sole o con le nubi pesanti di fine agosto, con borse di cibo e piccole pere dolci appena colte. E con l’isola lontana e fascinosa all’orizzonte.
Restano le dune appena oltre il cancello, le piante spinose nella gomma dei sandali, l’ombrellone pesante e gli asciugamani colorati. Resta l’odore, inconfondibile profumo, dell’onda che si frange, delicata o potente, sui sassi scuri e lucidi, scossi dalla risacca.
Un profumo che non esiste altrove.
I bagni, gli spruzzi, i costumi da cambiare, i panini con il salame piccante, grandi bottiglie di vetro con l’acqua per tutti.
Mamme e papà giovani, forse allegri, noi cugini abbronzatissimi e sereni.
Mesi e mesi felici, che ora racchiudo in un lampadario azzurro, in poche foto lontane, nell’immagine di una bimba molto bruna e magrolina, imbronciata e con le trecce.
Nel nome di mia nonna e nel ricordo del suo sorriso buono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: