Pubblicato da: chinonrisica | 19 settembre 2010

Estote parati

Cala il silenzio su Sakineh. I media si occupano d’altro e i riflettori spenti vogliono dire che l’Iran sarà libero di eseguire la condanna. Con i mezzi che ho, infinitesimali, continuerò a tenere desta l’attenzione su questa donna lontana.
Gli appelli devono continuare, il controllo deve restare serrato e tutti ci dobbiamo sentire responsabili. Pubblico questo interessante articolo di Eva Cantarella dal Corriere del 21 agosto scorso.Ci dice che la lapidazione è una barbarie lontana dal mondo occidentale. Sembra lontanissimo e non è trascorso nemmeno un mese.

Lapidazione, né Greci né Latini. Ucciderebbero così Sakineh

Come morirebbe Sakineh, condannata alla lapidazione, se la pressione dell’ opinione pubblica internazionale non riuscisse a bloccare la mano ai suoi carnefici (è attesa per oggi la sentenza sul riesame del caso)? Avvolta in un sudario bianco, verrebbe sepolta fino al petto e uccisa da parenti e astanti a colpi di pietre, le cui dimensioni dovrebbero essere tali da non consentirle una morte troppo rapida. Di media grandezza, le pietre dovrebbero garantire la durata media dell’ esecuzione: circa trenta minuti. Che l’ orrore senza pari suscitato da questa esecuzione sia dovuto alla sua barbarie è ovvio: ma forse ad accrescerlo gioca anche un’ altra considerazione, che come spesso accade è legata alla storia. La lapidazione non è mai entrata a far parte della nostra cultura giuridica. Nel mondo classico, nel quale affondano le radici del nostro diritto, «il chitone di pietre» (come lo chiama Ettore, nell’ Iliade) era una forma di giustizia popolare al di fuori di ogni controllo istituzionale, che non fu accolto nel «giardino dei supplizi» né greco né romano. La morte con la pietra era un’ esplosione di rabbia popolare, veniva inflitta da gruppi spontanei, senza accertamenti preliminari della colpevolezza. Non era un’ istituzione giuridica: a «fare giustizia» non erano dei terzi estranei. La partecipazione delle parti offese all’ esecuzione era in insanabile contrasto con l’ esigenza dello Stato nascente di superare la fase della vendetta e di entrare in quella del diritto. Anche per questo il pensiero della lapidazione ci colpisce in modo particolare. Perché ci rimanda a una preistoria del diritto che ci illudevamo di aver per sempre superato. Secondo il comitato internazionale contro la lapidazione dal 1979 sono state effettuate 150 lapidazioni. Fermiamo questa vergogna, forse siamo in tempo.
Eva Cantarella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: