Pubblicato da: chinonrisica | 27 febbraio 2010

Appassionata

“Canzone appassiunata” fu scritta e musicata da E.A.Mario (pseudonimo di Giovanni Gaeta, nato il 5 maggio 1884 a Napoli, in un “basso” di vicolo Tuttisanti, in quartiere Vicaria) nel 1922.
Di “Canzone appassiunata”, il verso “‘E ccose amare tienele cchiù care…” è divenuto addirittura un detto popolare napoletano. Ed è vero: le cose più amare devono tenersi più care! Nella canzone, il verso è a supporto del seguito: “E, amara comme si’,/Te voglio bene…/Te voglio bene/ E tu me faje murì!”.
Splendida nella versione degli Avion Travel, ieri sera ha riscaldato il cuore del pubblico tentino.
Tanti amici e colleghi , in sala.Uniti dall’interesse per una musica solare e ardente. Ripropongo il testo ( con annessa traduzione) che mi ricorda l’amore di mio padre per il bel canto di Napoli.

CANZONE APPASSIUNATA
Mario – 1922

N’albero piccerillo aggio piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutt”e ffronne cágnano culore…
Cadute só’ giá ‘e frutte e tutte quante,
erano doce, e se so’ fatte amare.
Ma ‘o core dice: “Oj giuvinotto amante,
‘e ccose amare tiénele cchiù ccare…”

E amara comme si’, te voglio bene!
Te voglio bene e tu mme faje murí!

Era comm”o canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera…
“Scétate!” – io dico – e nun vò’ stá scetato…
e mo, nun canta manco a primmavera!…
Chi voglio bene nun mme fa felice
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“Nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto!

E mme stó’ zitto, sí… te voglio bene…

Chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto mio
dint’a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta arracquanno…
Schiòppa na bella rosa e i’, pe’ gulio,
a chi mm’ha fatto chiagnere nce ‘a manno.
Lle dico: “Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza…”
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
“Fa’ bene e scorda e si faje male penza…”

Pènzace buono, sí… te voglio bene…

CANZONE APPASSIONATA

Ho piantato un piccolo albero,
curandolo con pena e con fatica.
Una ventata subito me l’ha spezzato
e tutte le foglie cambiano colore…
I frutti sono già caduti e tutti quanti,
erano dolci, ora si son fatti amari.
Ma il cuore dice: “Tu giovane amante,
le cose amare considerale più care…”

E amara come sei, ti voglio bene!
Ti voglio bene e tu mi fai morire!

Era come un canarino innamorato,
questo cuore che cantava mattina e sera…
“Svegliati” – io dico – e non vuol stare sveglio…
e adesso, non canta nemmeno in primavera!…
Colei che voglio bene non mi fa felice,
forse sta in cielo destinato e scritto,
ma io penso che un antico detto dice:
“Al cuore non si comanda”. Ed io me ne sto zitto!

E me ne sto zitto, sì… ti voglio bene…

Piango per amore, e cade il mio pianto
in questo vaso: il pianto lo sta innaffiando…
Sboccia una bella rosa ed io, per un desiderio,
a chi mi ha fatto piangere la mando.
Le dico: “Rosa mia tu mi perdoni
se ti calpesterà senza coscienza…”
C’è un detto che mi dà ragione:
“Fai il bene e dimentica ma se fai il male pensa…”

Pensaci bene, sì… ti voglio bene…

Annunci

Responses

  1. Howdy very nice website!! Guy .. Beautiful .. Superb .. I will bookmark your blog and take the feeds also…I’m satisfied to search out a lot of helpful info here within the submit, we want work out more strategies in this regard, thank you for sharing.

  2. Thank you, this is a matter which is near to my heart.
    Is there any way I can contact you? My name’s Elsa Wilcox and I’d get into this more deeply.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: