Pubblicato da: chinonrisica | 1 ottobre 2009

Torniamo alla Costituzione

Dalla Costituzione Italiana

“Art. 53 : Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”

La recente normativa sullo scudo fiscale viola ampiamente il principio costituzionale previsto dall’articolo 53 e, naturalmente, l’articolo 3 di cui ormai, con il lodo Alfano, si è fatta carta straccia.

La capacità contributiva di chi ha evaso le imposte e trasferito i capitali all’estero è enormemente più alta di quella di coloro che, con i loro tributi, mandano avanti con fatica il meccanismo dello stato sociale e del funzionamento generale delle istituzioni.
Chi paga( molto più di quanto la capacità contributiva consentirebbe) viene vessato da gabelle infinite e subdole. Chi evade e trasferisce ricchezza viene premiato con aliquote di rientro ridicole ( molto al di sotto della famosa capacità contributiva) e con un anonimato vergognoso.

Torniamo alla Costituzione. Come si torna a casa dopo una battaglia faticosa.
La Costituzione del dopoguerra, del Paese pacificato ,attonito e tutto da ricostruire deve essere il filo di Arianna per uscire dalla barbarie.
L’invito al Presidente Napolitano è accorato e giusto: la sua firma al provvedimento anticrisi che contiene lo scudo fiscale è una resa che chi è onesto non può accettare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: