Pubblicato da: chinonrisica | 22 settembre 2009

Dal Corriere di venerdì 18 settembre

Sfatiamo il luogo comune dell’accettazione ad ogni costo dei comportamenti che violano le regole della comune convivenza. Isabella Bossi Fedrigotti ci racconta, in modo mirabile, a mio avviso, che la convivenza è ostacolata da alcuni comportamenti ostili, tribali, indegni.
Comportamenti che le donne condividono solo per paura,ma che non dovrebbero mai appartenere alle madri.

Hina, Sanaa e quelle Mamme Che non Vorremmo ascoltare

La mamma di Hina e la mamma di Sanaa l’ hanno detto entrambe: che assolvono i loro mariti assassini, che li perdonano, che sono state le ragazze a perdere la testa, a comportarsi male. Avranno anche sbagliato le povere ragazze, perché andare a vivere con il fidanzato sarà certo una vergogna per una famiglia musulmana, un po’ come lo era, fino a 50, 40 anni fa, o anche meno, per una famiglia italiana, ma ammazzarle per questo è imperdonabile, soprattutto da parte di una madre che, per istinto, per cultura antica e immutabile dovrebbe proteggere, sostenere, difendere i figli anche contro i loro padri, se occorre. Non può essere vero che le madri comprendono chi ha sgozzato le loro ragazze come pecore, lo diranno perché glielo hanno messo in bocca, perché le hanno convinte o costrette, lo diranno per paura perché gli assassini un giorno usciranno di prigione e perché intorno ci sono cognati, fratelli e zii, uomini del clan che le sorvegliano. Ma non può essere vero che perdonano per altri motivi ancora, più prosaici ma non meno drammatici: finendo in prigione per anni e anni, questi due uomini hanno gettato sul lastrico le loro famiglie, privandole dello stipendio che le faceva vivere. E se dopo tutto fosse tragicamente vero, che davvero voi infelici madri di Hina e di Sanaa scegliete di stare con gli assassini, non dovete dirlo non solo perché è quel che vogliono sentire coloro che soffiano sul fuoco dello scontro di civiltà, ma anche perché risulta incomprensibile e insopportabile a noi tutti e perché rischia di seminare il dubbio che le distanze culturali siano troppo, troppo grandi. Storici e sociologi ci hanno sempre assicurato che saranno le donne islamiche a gettare il ponte sul fossato che ancora ci divide, noi e loro, perché prima o poi si vorranno scrollare di dosso l’ antica regola crudele di cieca sottomissione agli uomini di casa, agli atavici precetti tribali, al Corano reinterpretato secondo il capriccio del più forte. Nonostante le dichiarazioni delle due infelici madri vorremmo continuare a credere che non potrà essere che così. Isabella Bossi Fedrigotti RIPRODUZIONE RISERVATA

Bossi Fedrigotti Isabella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: