Pubblicato da: chinonrisica | 10 febbraio 2009

Scuole

La scuola che ho visto domenica sera in tv sembra provenire da un altro pianeta. Una scuola di Stoccolma.

Attrezzata, piena di docenti motivati, luminosa, aperta ed accogliente. I ragazzi non sono mai bocciati, perchè la amano e in essa si sentono valorizzati.

Una scuola pulita che resta pulita, con attrezzature che restano tali. Probabilmente i vandali sono una nostra prerogativa o vengono allontanati da ciò che non hanno dimostrato di apprezzare e meritare.

L’utenza è multietnica, ma ciò che da noi sembra un problema, lì viene utilizzato come una risorsa. La ricerca della comune identità, della cittadinanza ,non è vissuta come un’imposizione, ma come un’opportunità.

Il bilancio dello scorso anno ha destinato all’istruzione  circa 500 miloni di euro, nella Svezia monarchica e di di centrodestra.

 I docenti sono scelti dal Preside sulla base di curriculum e non sono inamovibili.

A fronte di ciò  ho visto una scuola nostrana, dove si comprano diplomi e lauree, dove il precariato è spesso a vita, dove le abilitazioni plurime non garantiscono nulla. Dove dobbiamo assistere ad una preside che va a casa a prendere il ragazzino riottoso e gli edifici cadono a pezzi .

Ma chi sta sbagliando?

Io non credo ad una superiorità genetica dei popoli del nord e non credo che vivrei in Svezia. Ma in Italia siamo solo sudditi, regnicoli, per dirla con lo Statuto Albertino.

I diritti sono tali solo se conosci chi conta, altrimenti non puoi sperare di essere partecipe di una cittadinanza, così solo dimezzata. La scuola è la base del benessere di uno Stato. Investendo nella conoscenza un Paese investe nel suo futuro, mentre per noi non resta che lo spettro di un’ignoranza di massa.

Ignoranza di contenuti, ma anche di regole, di sensibilità sociale e di principi. E i fatti degli ultimi tempi lo dimostrano.

Abbiamo disprezzato il sapere e avvilito l’intelletto. Ora  godiamoci il Bagaglino, L’Isola dei Famosi e Aldo Biscardi.

Claudio Magris ricorda, sul Corriere di oggi, che anche un Paese può fare testamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: