Pubblicato da: chinonrisica | 3 gennaio 2009

Vite in saldo

Giornata di saldi. In un centro commerciale lombardo mi sono sentita un pulviscolo nella massa. Luciano ed io, mescolati alla folla, una folla che  fa sentire soli, invisibili, omologati.

Artificiali le luci, la sequenza dei negozi, la qualità e quantità dei punti di ristoro.

Alberi soffocati nei bar che fingono di essere all’aperto, frutta colorata e immersa in  ghiaccio stranamente solido, nel caldo intenso dei corridoi , ragazzi giovanissimi che preparano ogni tipo di cibo e, ovunque, il caratteristico odore di pizza bruciaticcia, di resistenza elettrica surriscaldata.

Ma quanto lavorano questi ragazzi!? Non c’è quasi mai, per loro, la considerazione, la gentilezza e l’umanità che lega i clienti al bar della città o al negozio tradizionale. Sono luci,addobbi, i commessi: semplici accessori per la buona riuscita del rito collettivo dello shopping.

Li immagino al di fuori del loro lavoro( il centro è aperto ogni giorno dalle 9 alle 22, domenica compresa). Quanto resta per vivere, informarsi, pensare, innamorarsi e guardare al futuro?

E a quale futuro si può pensare con uno stipendio che non arriva a mille euro e contratti a tempo determinato?

 Cerchiamo di ricordare come definiamo coloro che sgobbano duramente per sopravvivere, senza garanzie e con poche tutele.

E mentre loro, piccoli schiavi del centro comerciale, lavorano come formichine indaffarate, noi, schiavi meno consapevoli, ma ugualmente asserviti, assecondiamo il destino che ci vuole consumatori.

Beati, tra l’odore acre del cibo e il piacere sottile di sentirci serviti .

Blanditi dal lavoro dei giovani commessi e dalle luci ,  che scintillano nel buio  freddo e nella neve

Annunci

Responses

  1. Giovanna,
    complimenti per il suo blog. Mi sono iscritta al forum Donne IDV e ho seguito il link del suo sito. Continuerò a leggerlo con piacere.

    Marcella

  2. Ogni tanto una “sana” passeggiatina in un centro commerciale fa vedere, oltre allo sbrillucciare delle vetrine, le persone …vorrei dire la “gente” cosiddetta “normale” che si accontenta di fare shopping “risparmiando” e quindi via con le luci, via con la pubblicita’…chi pensa piu’ alla crisi drammatica che attanaglia il mondo. Certo non si puo’ fare sempre la Cassandra della situazione, ma non si puo’ passare da un giorno all’altro da un…moriremo tutti di fame ad un …comprate comprate….senno’ andiamo sbancati.
    A difesa di alcuni esercenti dei centri commerciali posso dire che (per lo meno la maggior parte) fa fare dei turni di 6 ore…ma sotto Natale e festivita’, compresi i saldi…le ore sembrano lievitare e la disponibilita’ dev’essere quasi totale (storia di vita vissuta, non da me ma da mio figlio che si era offerto proprio per questo periodo “dicembre/saldi).
    Ma tant’e’…poi ci vediamo una faccia sorridente in televisione che ci dice…non e’ cosi’ grave, comprate pure la macchina…noi abiamo pensato alla social card…bel successo…
    L’altro giorno ero ad un ufficio postale ed una signora cercava di fare di tutto per “sparire” fisicamente mentre richiedeva e riempiva il modulo per ricevere la social card…come dice Antonio di Pietro, ci potevano essere molti altri modi per non svilire ancora di piu’ chi e’ gia’ avvilito.

  3. Grazie Marcella! Il blog nasce da un momento di sofferenza e mi ha aiutato dire con chiarezza il mio pensiero sulle cose del mondo: avvenimenti grandi e piccoli sui quali intrattenerci. Come in una piazza, come nel filò delle nostre nonne.
    Sarà bello avere un’amica in più

  4. Cara Aster, cogli benissimo il mio pensiero dicendo che non si può fare sempre la Cassandra. E’ che dopo la giornata di ieri mi sentivo proprio giù….una formichina tra la folla. Manovrata e imbambolata da luci e mass media.
    Ciao! Torna presto


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: