Pubblicato da: chinonrisica | 27 dicembre 2008

4 zampe buono…

In questi giorni molti regalano ,o si fanno, regalare un cucciolo.

Morbido, caldo e tenerissimo. Un cucciolo che cresce e si trasforma in un animale adulto e poi anziano. Che vive, come noi.

La vita degli animali, soprattutto cani e gatti, in Italia, è scandita da due periodi  fatidici: il Natale ( in cui li si regala) e l’estate ( in cui li si abbandona).

Il resto dell’anno è utilizzato dai pubblicitari : vogliono convincerci che il nostro amico a 4 zampe sarà più felice se consumerà quei croccantini o quel tipo di antipulci.

Ma gli animali non sono giocattoli o soprammobili. Sono carne e sangue, sistema nervoso e carattere.

Umanizzarli facendone dei gadget da compagnia li snatura, ma privarli della dignità e di un trattamento adeguato toglie a noi la  qualifica di esseri umani.

Va apprezzata, perciò, la recente normativa lombarda che vieta l’esposizione degli animali in vetrina.

Quante volte abbiamo assistito allo spettacolo di cuccioli d’uomo estasiati davanti a cuccioli di cani e gatti in mostra, in attesa di essere acquistati? Come un qualunque oggetto del desiderio, gli animali vengono mostrati, esposti, privati del diritto al riposo e alla riservatezza( esiste per tutti i viventi!), affaticati dalla luce, dal caldo o dal freddo.

L’acquisto di un animale dovrebbe essere una scelta responsabile,possibile solo dietro la verifica di motivazioni specifiche.

Sappiamo tutti quanto reali siano gli effetti terapeutici dati dalla compagnia di un animale. E non si deve credere che l’ambito sia limitato ai cani o ai gatti.  

Ricordo con affetto la compagnia di una nutrita schiera di cardellini, comprati da un predatore senza scrupoli, che li catturava e li rinchiudeva in gabbie piccolissime per farli cantare.  Il periodo in cui li rieducavamo al volo in una gabbia grande,prima di liberarli, godendo della loro compagnia, era particolarmente piacevole per tutta la famiglia.

E anche i pesci rossi trovavano asilo: in vasi grandissimi, in attesa di una vasca ospitale.

Trovatelli disperati o aristocratici di razza, gli animali non sono al vertice degli interessi del legislatore. E con il disamore verso di loro dimentichiamo  che la  crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini.

Annunci

Responses

  1. parole preziose che accolgo leggendole in compagnia delle tre gatte, del coniglio, dell’iguana che mi hanno trovata e scelta come custode in un mondo difficile per loro.
    Amiamo gli animali quanto e come amiamo noi stessi.

  2. Credo, cara amica, che molti evitino di sembrare amici degli animali per non sembrare meno amici degli uomini. La disarmante naturalezza dell’animale ci imbarazza e ci fa apparire nudi, nella nostra biologia di” umani”. Con il pollice opponibile, ma con crudeltà gratuite di cui ci si dovrebbe vergognare. Buon 2009 a tutti e 6!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: