Pubblicato da: chinonrisica | 1 novembre 2008

Le donne di IdV

ll Trentino di oggi pubblica un appello delle candidate di IdV. In nessun altro partito è stata data così poca voce alle donne, nessun segretario ha eluso i suoi doveri verso le pari opportunità in modo tanto evidente. La nostra voce, oggi, è chiara e vigorosa. Lo sarà ancora, libera e aperta, ogni volta che sarà necessario.

 

“Le candidate di Italia dei Valori chiedono alle candidate dei partiti che si presentano alle elezioni del 9 novembre di farsi promotrici, tutte insieme, di una iniziativa forte: una proposta per la modifica della legge elettorale attualmente in vigore per il Parlamento italiano.

 

La legge elettorale  vigente  non consente agli elettori di esprimere preferenze e lascia ai partiti il diritto di nominare, attraverso la posizione nelle liste,i componenti di Camera e Senato.

 

Durante la campagna elettorale di aprile tutti, a sinistra come a destra, si sono scagliati contro questo sistema , ma ora, a Camere insediate, nessuno difende il diritto dei cittadini di scegliere i loro rappresentanti in ambito nazionale.

 

Ma il problema della scelta è fondamentale se si vuole restituire al Paese una rappresentatività reale.

Per il manifestarsi di una democrazia compiuta , le candidate IdV chiedono che sia la voce delle donne a farsi sentire, alla vigilia della prima elezione dopo il rinnovo di un Parlamento di “nominati” e non di eletti.

 

Se anche il referendum previsto si realizzasse, infatti, non  toccherebbe il tema  delle preferenze.

E senza la possibilità di scegliere, una democrazia non può definirsi rappresentativa, non può realmente concretizzare la sovranità popolare che la Costituzione pone come base fondante del nostro sistema istituzionale.

 

Perchè  siano i cittadini, e non le segreterie di partito, a scegliere chiediamo che si ascolti  la voce di una  Costituzione viva, vitale  fedele ai suoi principi ispiratori e immodificabili.

 

Le candidate di Italia dei Valori chiedono a tutte le donne candidate, di ogni schieramento, di firmare un documento comune: un impegno collettivo da assumere insieme per una causa giusta. 

Sarebbe significativo che fossero le donne  a rendersene promotrici, responsabili e garanti.”

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: