Pubblicato da: chinonrisica | 22 settembre 2008

Una lettera all’Adige: mai pubblicata

Egregio Direttore, se è lecito ad una semplice insegnante intervenire in un dibattito tanto elevato da coinvolgere Lorenzo Dellai, chiedo ospitalità al suo giornale per difendere la causa di una scuola che amo ed ho amato, fino a sceglierla come percorso di vita, meditato e convinto.
Scuola,può apparire paradossale, deriva dal greco scholé, che significa “riposo”. Gli uomini, i soli che si dedicassero agli studi, visto che le donne ne erano escluse, finché potevano contare sul loro vigore fisico si dedicavano alle armi o alla coltivazione dei campi. Quelli dello studio, durante i quali era concesso alla mente uno svago intellettuale erano, perciò ,momenti di piacevole riposo. La sintesi della funzione fondamentale della conoscenza la possiamo lasciare a Roth, il quale indica come unica difesa, per l’Uomo, l’alfabeto, al posto del fucile. La scuola è un importante momento  di comunicazione del sapere e mi stringe il cuore  sentir parlare di “scuola trentina”, così come soffrirei sentendo parlare di scuola abruzzese o lombarda. Non c’è concetto più universale di quello di conoscenza e, mentre il mondo, universitario e non, si apre a progetti interculturali di respiro mondiale, nel nostro territorio dobbiamo assistere a concorsi che concedono punteggi più ampi a docenti che abbiano insegnato sul territorio provinciale, mentre c’è chi auspica la trentinitas dei maestri e dei professori.
E’ sospetta l’ operazione di chi vuole ricondurre la cultura a puro senso di appartenenza, quando l’unico confine  temporale , oltre che geografico, all’apprendimento è la morte, fisica o culturale.Chi studia apre la sua mente a concetti, realtà, idee che travalicano il confine provinciale, che appartengono all’essere umano in quanto tale. Immaginare di ingabbiare in regole localistiche tutto ciò, è anacronistico e , appunto, provinciale. La scuola, tutta, di ogni parte del mondo, dovrebbe comunicare,  vivere in costante contatto e crescere, adottare metodi educativi comuni ed efficaci per l’adolescente.Trentino, colombiano, siciliano o turco. 
Solo così potremo adempiere pienamente al ruolo di educatori, insegnanti e  genitori.La scuola va oltre la politica e non c’è peggior tentazione, per chi abbia a cuore sul serio l’avvenire delle nuove generazioni, di quello di provare a catturare consensi strumentalizzandola.
E’ solo il caso di notare,poi, che lo Statuto di Autonomia, all’articolo 9 n° 2 ,attribuisce ,in materia di istruzione elementare e secondaria, una competenza solo concorrente alla provincia di Trento. E non mi risulta che allo Statuto stesso siano state apportate, di recente, modifiche. Nemmeno dalla riforma del titolo V, che nulla di sostanziale ha aggiunto alla normativa statutaria esistente.Ma se davvero questa autonomia fosse tanto ampia e virtuosa, perchè non impiegarla per qualificare al massimo la classe docente?Perchè lasciare la scuola nel suo compartimento stagno,di riti e di linguaggi, quasi  fosse un’istituzione totale? 
Occuparsi di giovani ed aiutarli a diventare adulti responsabili è opera complessa, difficile da gestire con una delega da parte di chi è già plenipotenziario in ambito politico. Ascoltare il mondo della  scuola significa cogliere il disagio di una classe di lavoratori impegnata, spesso per amore, a colmare i baratri lasciati da una politica , di destra e di sinistra, indifferente alla scuola stessa e ai suoi protagonisti. Stipendi vergognosi e una malintesa etica giustificatrice  hanno prodotto risultati  negativi. Per tutti, caro Presidente/Assessore. Anche per la  “scuola trentina”, fatta da studenti che provengono ormai da molti Paesi diversi, da insegnanti di ogni regione d’Italia e  che diplomerà ragazzi sempre più cittadini del mondo. 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: